Immagine e Benessere Marche: “Chiediamo che la nostra categoria sia inserita tra quelle per cui è prevista la vaccinazione perché più a rischio”

Se non si interviene con risarcimenti settore a rischio: in molti stanno scegliendo di chiudere

Confesercenti Immagine e Benessere Marche ha convocato una riunione d’urgenza per fare il punto sulla crisi che sta colpendo il settore e sulle azioni che si stanno mettendo in campo a tutela dello stesso.  Alla riunione on line ha partecipato anche la Coordinatrice Nazionale Pina Parnofiello che ha elencato le azioni e le iniziative che la Confesercenti Nazionale sta mettendo in atto per la categoria.

Comparto che, nelle Marche, lamenta cali di fatturato del 40% per i parrucchieri  e di oltre il 75% per estetiste e massaggiatrici: pur se aperti, infatti, hanno una clientela oltre che contingentata anche ridotta dalla paura del contagio. Per questo Confesercenti Immagine e Benessere chiede che vengano previsti risarcimenti parametrati alle differenze di fatturato con i periodi pre-pandemia.

Angela Giacobetti, responsabile Estetica Immagine e Benessere Marche fa appello affinché la categoria venga inserita tra quelle “più a rischio”, quindi con priorità sui tempi della vaccinazione. “Chiediamo anche una riduzione dell’Iva sui nostri servizi e dei tributi. I ristori che sono arrivati all’estetica non sono sufficienti a consentire a molte nostre attività di sopravvivere. Torniamo a porre l’accento sulla necessità di risarcimenti che non sono più differibili: molti centri estetici della regione si stanno arrendendo soffocati da tasse, affitti, elevati costi dei materiali e incassi ridotti dalla paura del contagio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *